APPELLO per i DIRITTI,LA LIBERTA’ e LA DIGNITA’ NELLE “CURE” PSICHIATRICHE.

Pubblichiamo questo appello prodotto da realtà impegnate in un percorso finalizzato alla riforma della legge 833 che regola il T.S.O .(proposta di legge:”la libertà è terapeutica”).

Per quanto ci riguarda non siamo per riformare il T.S.O,ma per  abolirlo.

Considerando la realtà attuale riteniamo  opportuno sottoscrivere il seguente appello.

Telefono Viola  Bergamo,Reggio Emilia,Piacenza,Sicilia

APPELLO PER I DIRITTI, LA LIBERTÀ E LA DIGNITA’ NELLE CURE PSICHIATRICHE
In occasione dei 40 anni della legge “180”, impropriamente nota come legge basaglia, dal
nome dello psichiatra che ispirò il movimento di superamento del manicomio in italia, ma che non se ne assunse mai la paternità, i sottoscritti:

1. ricordano che la legge 180 del 1978 fu una “controriforma”, giacché fu approvata allo scopo di impedire la celebrazione del referendum promosso dal partito radicale, che se approvato avrebbe realmente “riformato” il trattamento psichiatrico confinando le “cure involontarie” alle situazioni di effettiva urgenza ed indifferibilità;

2. Rilevano che la disciplina introdotta riguardo al trattamento sanitario obbligatorio:

a) presenta plurimi profili di inadeguatezza costituzionale concernendo una condizione di
coercizione sprovvista delle garanzie di difesa tecnica e di contraddittorio, basata su
presupposti indeterminati, priva di una verifica di legalità precedente il ricovero
coatto;
b) ha evidenziato come le figure di garanzia, comunque inadeguate, previste dalla
procedura: dai medici, al sindaco, al giudice tutelare, abbiano totalmente disatteso il
rispettivo ruolo attribuito a tutela del “paziente” e del rischio di abuso, muovendosi
attraverso “automatismi” burocratici sordi ad ogni ragione di rispetto della persona;
c) ha manifestato la sua inadeguatezza lasciando sul terreno “vittime” della fase di
applicazione come della fase di esecuzione concreta del trattamento coercitivo. Oggi
subire un TSO (un morto all’anno su 8.000 TSO) è statisticamente oltre 3 volte più
rischioso che arrampicarsi in roccia senza imbragature, corde o protezioni (un morto
ogni 27.000 arrampicate);

3. Denunciano la situazione di oggettiva impunità in capo agli operatori psichiatrici che
effettuano interventi coatti giustificati spesso in nome dello stato di necessità e del diritto alla cura, dimenticando che tale diritto deve armonizzarsi, costituzionalmente, con il corrispettivo diritto a rifiutare le cure, garantito a tutti i cittadini e ribadito della recente legge 219 del 2017 recante “norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.